Browsing Category

Antipasti

Antipasti/ Pane, pizza e torte salate

Cracker ai semi senza lievito

I cracker ai semi senza lievito sono delle golose sfoglie croccanti, arricchite da deliziosi semi misti, perfetti per accompagnare un aperitivo con gli amici o da servire in tavola insieme al pane. Sono molto facili da realizzare e vi faranno fare un figurone, perchè sono ancora più buoni di quelli comprati!

L’impasto si realizza direttamente in una ciotola, senza bisogno di planetarie o robot e senza il lievito, per cui dopo qualche minuto di riposo a temperatura ambiente, il vostro impasto sarà subito pronto per essere lavorato.

Con questa dose escono tanti pezzi (dipende dalla dimensione in cui li tagliate) e potete conservarli in una busta di plastica per alimenti fino a 3-4 giorni.

Crackers ai semi senza lievito

Ingredienti per circa 40 crackers

300 g di farina 0
100 ml di vino bianco
50 ml di olio extravergine di oliva
20 ml di acqua
15 g di semi di lino
15 g di semi di girasole
1 cucchiaino di sale

Preparazione

Disponete la farina a fontana in una ciotola e versatevi al centro il vino bianco, l’olio, l’acqua e il sale. Impastate con le mani per qualche minuto, poi unite i semi e continuate ad impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Formate una palla e fatela riposare coperta da un panno per una decina di minuti. Riprendete l’impasto e stendetelo ad uno spessore di ½ cm. Con una rotella dentellata tagliate la sfoglia a losanghe o a rettangoli e disponete i crackers su una teglia ricoperta di carta da forno. Spennellate i crackers con acqua e olio mescolati in parti uguali e infornate a 200° forno ventilato per 10 minuti o finchè i crackers saranno dorati. Fate raffreddare poi conservate in un sacchetto di carta per al massimo 3-4 giorni.

Ho realizzato questa ricetta -per il nuovo numero di Taste & More. Se non l’avete ancora fatto, correte a sfogliarlo!!

Antipasti

Aringa maritata

L’appetito vien guardando, perché il cibo si gusta prima con gli occhi. È un dato di fatto che oggi il cibo sia diventato una forma d’arte al pari delle…